L’autunno è una stagione romantica ma anche ricca di contraddizioni. I colori diventano più caldi e vicini alla terra, gli alberi si spogliano della loro chioma e le giornate si accorciano.

Un periodo di transizione tra l’estate e l’inverno, in cui il nostro organismo subisce diversi mutamenti fisiologici per prepararsi ai periodi più freddi.

I nostri ritmi di vita si adeguano necessariamente, (e forzatamente), alle nuove condizioni climatiche, e ciò comporta un vero stress per il nostro organismo; ancora di più di questi tempi, in cui a causa dell’inquinamento atmosferico, il passaggio da una temperatura ad un’altra è repentino e senza il minimo preavviso.

I segnali del nostro corpo

Il nostro organismo dà chiari segnali della sua insofferenza a questi cambiamenti, che si ripercuotono anche sul nostro stato emotivo e psicologico.

Nel periodo autunnale, infatti, si registrano:

  • un aumento della caduta dei capelli
  • raffreddore
  • tosse
  • dolori articolari
  • mal di testa
  • mal di gola
  • cambi di umore

Vi siete mai chiesti il perché?

Ciò è collegato, nella maggior parte dei casi, ad un calo delle nostre difese immunitarie non pronte: sia alla diminuzione delle ore di luce, ma soprattutto allo stress dei ritmi lavorativi incalzanti, (dopo le ferie estive), e agli sbalzi di temperatura che provocano alterazioni e stimolazioni continue del nostro sistema di termoregolazione fisiologico. Fedele compagna, quindi, a partire da ottobre è la famosa sindrome “parainfluenzale”, causata da virus meno aggressivi, ma comunque fastidiosi e debilitanti, che con l’abbassamento delle temperature cominciano a proliferare e ad attaccare sempre con maggiore forza.

Il segreto, infatti, è rafforzare le proprie difese immunitarie e prepararle all’inverno.

È doveroso, quindi, agire su tre diverse aspetti:

  • Alimentazione
  • Outfit
  • Rimedi naturali

Alimentazione

Per quanto riguarda l’alimentazione, è buona norma integrare nella propria dieta frutta e verdure fresche e di stagione, da consumarsi preferibilmente crude e da assumere in abbondanza durante questi mesi autunnali, e invernali che verranno.

I principali micronutrienti da ricercare sono le vitamine C, E e A: tutte sostanze caratterizzate da una spiccata attività antiossidante.

Dove possiamo trovarli?

La vitamina C si può assumere soprattutto attraverso l’introduzione nella propria dieta di frutta e verdure di stagione: come uva, fichi, agrumi, peperoni, broccoli, cavoli, cavolfiori, cavolini di Bruxelles, piselli, spinaci e patate.

La vitamina E soprattutto negli oli vegetali come: olio di oliva e di girasole; e nella frutta secca: mandorle, nocciole e arachidi.

La vitamina A, invece, si trova in alimenti di origine animale (come latte, formaggi, burro, uova, fegato di animali), nei pesci grassi dei mari del Nord, nella frutta e nelle verdure giallo-arancio (mandarini, arance, zucche, peperoni, pomodori, papaya, mango ecc. ) e negli ortaggi verde scuro (spinaci, broccoletti, bietole, tarassaco, prezzemolo, basilico, rucola e altre insalate).

Outfit

Il consiglio più proficuo è sicuramente adottare un look definito “a cipolla”. Date le temperature incerte è bene vestirsi con diversi capi a mo’ di “strati”, per potersi adattare agli sbalzi di temperatura, evitando brividi e raffreddamenti o improvvise sudorazioni.