dott. Maurizio Zaccariello
Farmacia Zaccariello dott. Maurizio
Corso Italia, 170/A – S. Marcellino (CE)

L’igiene orale è la migliore medicina per la prevenzione di molte patologie e
problematiche legate al cavo orale.
I denti non ben puliti possono infiammare le gengive, provocare carie, dolore e infine la perdita del dente.
Attraverso una corretta igiene orale quindi, teniamo lontani i batteri e
garantiamo una migliore salute ai nostri denti e alla nostra bocca.


Lo spazzolino da denti e il dentifricio
Quali strumenti bisogna usare per una corretta igiene orale?
Innanzitutto dobbiamo impegnarci tutti i giorni con lo spazzolino da denti e il dentifricio. È importante lavare i denti più volte al giorno e soprattutto la sera prima di andare a letto, per evitare che i residui di cibo, a contatto con i batteri, si trasformino in acidi, che dissolvono lo smalto.
Lo spazzolino da denti deve avere il manico dritto, le setole non troppo dure, perfettamente dritte e di uguale lunghezza, con punte arrotondate per un diametro di circa 0,20 mm. Quando le setole cominciano a piegarsi e
deformarsi, è ora di sostituire lo spazzolino.
Un buon dentifricio deve contenere fluoro perché favorisce la rimineralizzazione dei denti e previene la carie.


Filo interdentale, scovolino e collutorio
Per rimuovere la placca batterica negli spazi interdentali, la migliore soluzione è il filo interdentale. Questo va posizionato nello spazio tra due denti fino a toccare la gengiva, poi si tira verso l’esterno strofinandolo lungo la superficie del dente. Lo strofinamento determina il distacco della placca batterica, che viene poi definitivamente espulsa sciaquando la bocca.
Un altro strumento molto utile nell’igiene orale è lo scovolino, per pulire gli
spazi interdentali più larghi. Una sorta di spazzoletta viene inserita nello
spazio interdentale rimuovendo i residui del cibo e la placca.
Importante è anche l’utilizzo del collutorio, da utilizzare in seguito al lavaggio dei denti per completare la pulizia, per disinfettare la bocca o per rinfrescare semplicemente l’alito.


La pulizia professionale
Periodicamente, almeno una volta l’anno o anche più spesso se necessario,
oltre alla tradizionale igiene orale, si consiglia di fare una pulizia dei denti
professionale presso uno studio dentistico, in modo da rimuovere tutta la
placca che non siamo riusciti a togliere con le nostre azioni quotidiane e il
tartaro che nel frattempo si è formato.